Per accedere al titolo di Applicatore
di I e II LIVELLO del Metodo Sabbadini
REGOLAMENTO

Perché "Multisistemico Integrato"?

Il Metodo Sabbadini© denominato “multisistemico integrato”, considera i vari sistemi funzionali singolarmente sia per quanto riguarda l’ambito valutativo che per quello terapeutico, tenendo però presente che ogni singola funzione influenza costantemente le altre.

 

E' l'integrazione di più funzioni che rende possibile l'esecuzione di azioni complesse ad alto livello di esecuzione e di controllo.

 

Il sintomo per il quale il soggetto viene segnalato ai fini della diagnosi, rappresenta solo il deficit più visibile della persona e va considerato come la punta di un iceberg che nasconde difficoltà sommerse da individuare, potenziare ed integrare.

​Il termine "integrato" presuppone inoltre anche degli altri aspetti importanti, ovvero il tener conto di conoscere ed applicare metodologie aggiornate riprese da studi, ricerche attuali e scientificamente confermate a seconda della tipologia del disturbo e la fase evolutiva del soggetto.

 

​Si vuole inoltre sottolineare l’importanza di un progetto di terapia individualizzato; per tale motivo, la valutazione di ogni singolo soggetto va intesa non solo ai fini diagnostici, ma anche per la definizione di un progetto terapeutico, riconsiderato puntualmente in senso  longitudinale,  che tenga conto dei punti di forza dell'individuo così come dei suoi limiti e soprattutto della stretta correlazione tra i diversi ambiti; sono  considerati  con particolare attenzione anche gli aspetti emotivi e comportamentali del soggetto, conseguenza spesso del carico di frustrazione e disistima dovuto al fatto di non riuscire a “fare” secondo quanto previsto ed immaginato. Quindi progetto integrato in cui gioca un ruolo fondamentale anche la sollecitazione, in termini positivi, che l’individuo riceve nell’ambiente in cui vive e al quale si deve adattare.

Formazione per acquisire il titolo di

La formazione per acquisire il titolo di applicatore del Metodo Sabbadini prevede due corsi con due livelli distinti: lo scopo è giungere alla comprensione del deficit motorio-prassico presente in molti disturbi del neurosviluppo e soprattutto al riconoscimento di alcuni indicatori validi per la diagnosi di disprassia intesa sia come disprassia idiopatica DCD, sia come fattore di comorbidità nei casi di DPL, DVE, DSA.

APPLICATORE DEL METODO SABBADINI

Percorso formativo: Corso di I e II livello

Nel Corso di Primo Livello di un giorno e mezzo, verrà introdotto il concetto di Disprassia distinto dal concetto di disturbo del movimento o della coordinazione motoria e verranno presentati dei casi che esplicitino tale distinzione in modo esaustivo.

Saranno quindi analizzati casi clinici per diverse fasce di età, rispetto ad una specifica modalità di valutazione ed al fine di ottenere profili funzionali corretti per l’impostazione di un progetto di terapia integrato multi-sistemico.

Il Corso di I livello sarà aperto anche alle figure dell’ambito educativo che si occupano dell’età evolutiva (Psicomotricista, Pedagogista, Educatore) che riceveranno un attestato di partecipazione.

Per completare il percorso di Applicatore di I livello per le figure sanitarie è previsto un esame scritto e una supervisione orale di un caso clinico.

Il percorso di Applicatore del Metodo Sabbadini© prevede anche un II livello aperto soltanto alle figure sanitarie, il cui obbiettivo è acquisire una metodologia di intervento specifico, integrato e multisistemico delle abilità motorio-prassiche nei disturbi del Neurosviluppo in età evolutiva, prescolare e scolare (DCD/DSA/DPL) ed in età adolescenziale/adulta.

 

Questo livello è aperto a TNPEE, logopedisti, fisioterapisti, terapisti occupazionali, Educatori professionali socio-sanitari.

 

Al II livello è previsto un Albo di Specializzazione aperto agli psicologi rispetto all’intervento dell’area psicologica nei Disturbi del Neurosviluppo,

 

Per i logopedisti formati al II livello viene prevista un’ulteriore specializzazione specifica per le DVE /CAS con iscrizione al Corso DVE della Med Learning (responsabile Scientifica Dott. Sabbadini). Sono considerate favorevolmente formazioni eseguite con metodologie varie rispetto alle DVE da integrare al metodo DVE della Dott. Sabbadini.

Si ritiene importante per tutte le figure sanitarie che operano nel campo clinico dei disturbi del neurosviluppo, l’approfondimento della metodologia di valutazione e terapia secondo il modello sottostante il Protocollo APCM2 (Sabbadini L.). 

Requisiti di ammissione per la Formazione di

APPLICATORE DI I LIVELLO

Per accedere alla qualifica di Applicatore di I Livello del Metodo Sabbadini© è necessario:

  • Aver frequentato almeno un corso della Professoressa Sabbadini negli ultimi 3 anni o iscriversi ex-novo al Corso di I livello

  • Essere iscritto all’Albo Nazionale delle professioni Sanitarie (FNO TSRM e PSTRP) o all’Albo degli Psicologi o all’Ordine dei Medici.

 

Il percorso formativo di Applicatore di I Livello potrà definirsi concluso positivamente se verranno soddisfatti i seguenti punti:

  1. Svolgimento del Corso di Specializzazione di I Livello.

  2. Superamento dell’esame scritto: il corsista ha a disposizione 3 edizioni del corso per poter sostenere l'esame (circa 1 anno e mezzo), altrimenti dovrà ripetere la formazione.

  3. Svolgimento di 1 supervisione minima obbligatoria, presso la sede del supervisore o online. Tale supervisione può essere anticipata o posticipata rispetto all'esame scritto.

 

Al termine della formazione di I livello, si ottiene il Titolo di Applicatore del Metodo Sabbadini©, con pubblicazione del nominativo sul relativo albo ufficiale (sito www.metodosabbadini.com ).

 

Per il mantenimento del titolo di Applicatore, ogni 2 anni è necessario seguire un corso di formazione di almeno 8 ore, condotto dalla professoressa Sabbadini Letizia.

Requisiti di ammissione per la Formazione di

Per accedere alla formazione di Applicatore di II livello è necessario:

  • Essere Applicatore di I livello, praticante da almeno 6 mesi.

  • Essere iscritto all’Albo Nazionale delle Professioni Sanitarie (FNO TSRM e PSTRP) o all’Albo degli Psicologi.

 

Il percorso formativo di Applicatore di II Livello potrà definirsi concluso positivamente se verranno soddisfatti i seguenti punti:

  1. Svolgimento del Corso di Specializzazione di II Livello.

  2. Superamento dell’esame scritto: il corsista ha a disposizione 3 edizioni del corso per poter sostenere l'esame (circa 1 anno e mezzo), altrimenti dovrà ripetere la formazione.

  3. Svolgimento di 1 supervisione minima obbligatoria, presso la sede del supervisore o online. Tale supervisione può essere anticipata o posticipata rispetto all'esame scritto.

 

Al termine della formazione di II livello, si ottiene il Titolo di Applicatore del Metodo Sabbadini©, con pubblicazione del nominativo sul relativo albo ufficiale ( www.metodosabbadini.com ).

 

Per il mantenimento del titolo di Applicatore, ogni 2 anni è necessario seguire un corso di formazione di almeno 8 ore, condotto dalla professoressa Sabbadini Letizia.

 

Non è possibile assistere ai corsi come uditori. Non sono ammessi gli studenti.

APPLICATORE DI II LIVELLO

Calendario ALTA FORMAZIONE

La Formazione è prevista due volte all'anno in modalità WEBINAR.

Date ed info sui Corsi WEBINAR

Le date verranno comunicate sui siti:

www.metodosabbadini.com

www.simaxformazione.it

Tutte le informazioni sui corsi verranno pubblicate sul sito del Provider SIMAX:

www.simaxformazione.it

 

Richiesta di ESAME

La richiesta di esame deve essere inviata tramite mail a:

 

metodosabbadini@libero.it